Celebrazione nozze

Spunti, idee e consigli per celebrare un matrimonio in un ambientazione esclusiva, per intrattenere i tuoi invitati e sorprenderli con effetti speciali.

“Lui la prese tra le braccia, sollevando una nuvola di tulle bianco e arrivarono in una splendida villa bianca immersa in un bosco incantato chiamato “Antico marchesato di Casolla di Valenzano”...E’ l’inizio della favola di Lorenzo Insigne e la sua bellissima Genny , iniziata il 31-12-2012 a Villa Ciprea, teatro da quel giorno di innumerevoli favole a lieto fine. Immersa in un grande parco con alberi secolari, Villa Ciprea è una struttura moderna, una sofisticata dimora definita da un’elegante piscina e suggestivi giardini. Stile, design, architetture e dettagli preziosi incontrano il gusto sofisticato di un’eleganza esclusiva.Le sale interne, arredate con gusto e sobrietà, sono eleganti e raffinate, declinate nei toni del bianco e colme di luce che ne amplificano l’ampiezza. Si presentano perfette per ricevimenti di medie e grandi dimensioni, l’intera dimora occupa infatti 1000 mq di superficie sviluppati su due piani, tradotte in due ampie sale che assicurano l’una 160 posti a sedere, l’altra 130 estremamente duttili consentono di realizzare ogni tipologia di evento. I giardini, con eleganza piacevoli colori e profumi ,circondano la villa e costituiscono scrigni segreti in cui perdersi e passeggiare lungo i sentieri luminosi adornati da dettagli raffinati e suggestivi.La piscina, un’elegante specchio d’acqua azzurra e l’ampio gazebo finemente arredato e in grado di ospitare 200 posti a sedere, costituiscono spazi esclusivi declinabili in ogni tipo di stile dal luxury allo shabby chic. Il lusso che sposa l’eleganza, gli spazi esclusivi e lo stile natural chic divengono a Villa Ciprea il teorema perfetto per eventi indimenticabili al sapore di favola.Sontuosamente articolata al suo interno in spazi ad un tempo eleganti e funzionali Villa Ciprea diviene la scenografia ideale per ogni tipo di evento. La magia evocata dagli ambienti, la cura per ogni dettaglio, la professionalità dello staff viene completata dall’eccellenza culinaria. Rinomati chef realizzano piatti ricercati e curati, mescolando creatività e gusto che si traducono in piatti prelibati a base di carne e pesce fresco. Il servizio è impeccabile, la cura per il dettaglio maniacale, il risultato eccelso. In via del Cantano snc a Caivano(NA) i dettagli sono i componenti di un mosaico che disegna la perfezione di una giornata speciale al sapore di favola inaugurata dal matrimonio del calciatore Lorenzo Insigne con Genny e accresciuta dagli innumerevoli eventi ivi svolti, perché a Villa Ciprea la favola ha una sola parola d’ordine: to be continued…. Valeria Milano
l matrimonio è già di per sè un sogno, ma perchè non renderlo ancora più speciale e fiabesco con un'organizzazione unica ed indimenticabile?In che modo?E se realizzaste, ad esempio, un matrimonio con le renne nel periodo di Santa Claus? Qualcosa insomma, capace di farvi venire un dubbio enorme, portandovi a dichiarare ad alta voce la famosa frase: "sogno o son desta?".Vi diciamo subito che esiste, in Svezia, precisamente a Jukkasjarvi, una cappella di ghiaccio deliziosa e romantica, dove ogni anno le spose, giungono dal loro futuro marito, su una slitta trainata da magiche renne.Da non sottovalutare anche in Finlandia questa straordinaria possibilità. Viene aperta, infatti, per gli sposi, ogni 1° dicembre, la cappella di ghiaccio realizzata all'interno del suggestivo "Snow Village". La tradizione vuole che sposa e sposo arrivino insieme alla cappella, sfilando su una slitta portata da bellissime renne addobbate a festa. Queste ultime, poi, non vanno assolutamente via, ma restano ad aspettare gli sposi, in compagnia del loro pastore. In seguito infatti, faranno vivere ai festeggiati un avventuroso e pittoresco safari. Il costo del tragitto con una slitta trainata da renne è di circa 258 sterline. La renna, è da sottolineare, che rappresenta nella Lapponia finlandese, una vera e propria icona.Le corse con le renne possono durare dai 10 minuti fino a qualche ora, tutto dipende dal desiderio del momento. La velocità è sempre moderata.Gli sposi assaporeranno, così, una sorta di viaggio definito dai più "spirituale", addentrandosi nelle foreste innevate a bordo di una comoda slitta realizzata in legno e scoprendo una natura incontaminata, selvaggia, davvero toccante.Ed ancora: in questa escursione fiabesca gli sposi innamorati, potranno ascoltare attentamente una nuova "musica" data dai battiti dei loro cuori e dal simpatico rumore degli zoccoli affilati delle renne.A fine corsa, se lo desiderano, i festeggiati potranno, prima di congedarsi dalle renne e quindi dirigersi al loro banchetto nuziale, (tutto imperniato, ovviamente, sulle renne) ringraziare questi magnifici animali, offrendo loro i licheni (’jäkälä’ in finlandese), il cibo per cui le renne vanno tremendamente ghiotte!
LO SCAMBIO DELLE PROMESSE: IL SIGILLO DELL’AMORERappresenta il fulcro della celebrazione nel matrimonio religioso, il sigillo dell’amore eterno e puro, è lo scambio delle promesse, uno dei momenti più emozionanti dell’intera cerimonia, nonché il momento più sentito dagli sposi che in pochi minuti si giurano amore e fedeltà per tutta la vita. La formula tradizionale è molto suggestiva ma sovente viene sostituita da formule personalizzate in modo da rendere unico il proprio matrimonio.Di seguito la formula tradizionale.Sacerdote: Carissimi….e… siete venuti insieme nella casa del Padre, perché la vostra decisione di unirvi in matrimonio riceva il suo sigillo e la sua consacrazione davanti al ministro della Chiesa e davanti alla comunità. Voi siete già stati consacrati mediante il Battesimo: ora Cristo vi benedice e vi rafforza con il sacramento nuziale, perché vi amiate l’un l’altro con amore fedele e inesauribile e assumiate responsabilmente i doveri del matrimonio. Pertanto vi chiedo di esprimere davanti alla Chiesa le vostre intenzioni.DOMANDESacerdote: ….e…. siete venuti a contrarre matrimonio, senza alcuna costrizione, in piena libertà e consapevoli del significato della vostra decisione?Sposi: SìSacerdote: Siete disposti alla nuova via del matrimonio ad amarvi e onorarvi l’un l’altro per tutta la vita?Sposi: SìSacerdote: Siete disposti ad accogliere con amore i figli che Dio vorrà donarvi e a educarli secondo la legge di Cristo e della Chiesa?Sposi: SìCONSENSOSacerdote: Se dunque è vostra intenzione di unirvi in matrimonio, datevi la mano destra ed esprimete davanti a Dio e alla sua Chiesa il vostro consenso.Sposi: Io accolgo te come mio/a sposo/a. Con la grazia di Cristo prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita.Sacerdote: Il Signore onnipotente e misericordioso confermi il consenso che avete manifestato davanti alla Chiesa e si degni di ricolmarvi della sua benedizione. L’uomo non osi separare ciò che Dio unisce. AmenBENEDIZIONE E CONSEGNA DEGLI ANELLISacerdote: Il Signore benedica questi anelli che vi donate scambievolmente in segno di amore e fedeltà. Per Cristo nostro Signore. AmenSposi: Ricevi questo anello, segno del mio amore e della mia fedeltà. Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. AmenQuesta è la formula religiosa tradizionale che unisce due persone in matrimonio, ma le promesse si possono personalizzare per connotare di maggior romanticismo l’unione. Può trattarsi di una romantica poesia, una canzone d’amore, una preghiera al cuore degli sposi, delle righe scritte di proprio pugno dagli stessi o un mix di tutto ciò. Può riflettere una serie di punti, ad esempio come e quando gli sposi si sono incontrati, cosa l’uno ama dell’altro, ciò che rende unico il loro amore, cosa li ha spinti ad unirsi, e addirittura dei passi di un diario scritto dalla sposa durante il fidanzamento.Di seguito vengono riportati alcuni esempi di promesse da mutuare per far sì che la propria unione rimanga unica e indelebile:“L’amore non vive di parole, né può essere spiegato a parole” (Madre T. di Calcutta)“ E da allora sono perché tu sei, e da allora sei, sono e siamo, e per amore sarò, sarai, saremo” (Pablo Neruda)“ L’amore non guarda con gli occhi ma con l’anima” (William Shakspeare)“ Io garantisco che ci saranno tempi duri, garantisco che ad un certo punto uno di noi o tutti e due vorremo farla finita, ma garantisco anche se non ti chiedo di essere mio lo rimpiangerò per tutta la mia vita, perché sento nel mio cuore che sei l’unico per me” ( tratto dal film Se scappi, ti sposo)“ E’ soltanto nelle misteriose equazioni dell’amore che si può trovare ogni ragione logica. Io sono qui grazie a te. Tu sei la ragione per cui io esisto. Tu sei tutte le mie ragioni” ( A beautiful mind)“ Ti prometto di aiutarti ad amare la vita, di trattarti sempre con tenerezza e di avere la pazienza che l’amore richiede. Di parlare quando le parole sono necessarie e di restare in silenzio quando non lo sono, e di vivere nel calore del tuo cuore e considerarlo casa mia. Io prometto di amarti ardentemente in ogni tuo momento, ora e per sempre. Prometto di non dimenticare mai che questo è un amore che capita una volta nella vita” (La memoria del cuore).Ognuna di tali formule costituirà un emozionante sigillo dell’unione religiosa tra due anime e due corpi e la promessa di una felice ed eterna vita insieme.Valeria Milano
Quando parliamo di matrimoni è bene sapere che non si parla solo di fiori, abiti e decorazioni ma ci sono scelte e decisioni importanti da compiere insieme. Parlare di soldi e beni non è di certo l’argomento più romantico ma è necessario affrontarlo.Abbiamo parlato qualche articolo fa, di comunione dei beni ma al momento della vostra unione potete anche considerare la separazione dei beni.Infatti gli articoli 143 e 147 del Codice Civile regolano il matrimonio civile e sanciscono quelli che sono gli oneri economici di entrambi i coniugi nei confronti di famiglia e figli.La legge infatti consente agli sposi di scegliere quale regime patrimoniale sia più consono a loro e alla loro futura famiglia: si parla di comunione dei beni o di separazione dei beni.La scelta può essere fatta sia dove avviene il rito civile che quello religioso. Infatti al termine della cerimonia il sacerdote o l'ufficiale di stato civile annoterà la decisione sull'atto di matrimonio.Se invece gli sposi non espliciteranno alcuna scelta per legge il regime patrimoniale sarà in automatico la comunione dei beni.In ogni caso è bene sapere che la scelta fatta potrà essere cambiata di fronte ad un notaio in qualsiasi momento della vita matrimoniale.Ma cosa comporta la separazione die beni per una coppia?Questo regime prevede che ciascuno dei due sposi ha proprietà esclusiva dei beni acquistati precedentemente le nozze e successivamente a queste, anche se fruiti insieme. Il coniuge che effettua l’acquisto ha pieno potere del bene. I beni di marito e moglie saranno separati salvo i diritti di successione. E’ però possibile richiedere la contestazione di un bene. Si potrà richiedere la coitestazione con una dichiarazione all’atto d’acquisto di tale desiderio. Dovrà essere specificata anche la quota di comproprietà assegnata ad ognuno dei coniugi.Martina Saliva
Emozionate e compunte nei loro abiti di organza e tulle, fiori tra i capelli e piccoli bouquet stretti fervidamente tra le mani, attendono la futura sposa per condurla all’altare: sono le bridesmaids e arrivano direttamente dagli USA, in Italia sono comunemente conosciute come damigelle.La figura delle damigelle ha radici nell’antico Egitto. In quel tempo si pensava che gli spiriti maligni non vedessero di buon occhio le spose, quindi per far sì che la futura sposa non fosse riconosciuta, le sue amiche si vestivano esattamente come lei per evitare che i cattivi spiriti potessero aggredirla e rubarle la dote.Questa figura ha resistito fino ai nostri giorni, rivisitata, il modello a cui ci si ispira è quello americano- anglosassone, seppur rivisitato. Figura molto importante, affianca la sposa in ogni singolo preparativo matrimoniale, la aiuta, la consiglia, la supporta nei momenti di maggiore tensione e stress. Partecipa alla scelta dell’abito, ed è da considerare parte attiva durante i preparativi e allestimenti del matrimonio.Sono le bridesmaids ad occuparsi di aiutare la sposa a vestirsi, la seguono durante il make up, sono loro che durante la cerimonia e i festeggiamenti terranno come uno scrigno prezioso tutto il kit salva-sposa dagli inconvenienti di quel giorno, dalle salviettine opacizzanti ai cerotti all’ago e il filo…veri e propri angeli custodi dall’entrata in scena della sposa in Chiesa fino alla fine del wedding day,aiutando persino nella distribuzione dei cadeaux de mariage.Possono raggiungere il numero di otto, se la damigella è una sola aprirà lei il corteo , se sono in numero pari procederanno in coppia, se sono in numero dispari una sola aprirà il corteo e le altre procederanno in numero di due alla volta. Solitamente vengono scelte tra le migliori amiche della sposa, o tra le parenti strette, sorelle, cugine…L’outfit delle bridesmaids deve essere in armonia con quello della sposa, il luogo della celebrazione, il tipo di matrimonio, la stagione e l’ora scelta per l’evento. Colorati e leggeri dalle linee morbide consentiranno ad ogni damigella di svolgere in maniera disinvolta ogni movimento, e i numerosi sforzi che dovranno compiere nel wedding day.Dagli abiti in pizzo nelle tonalità crema per ricreare atmosfere retrò e vintage ai lunghi abiti fiorati nelle tonalità pastello, dalle gonne in tulle a quelle ricamate caratterizzate da dettagli preziosi e fantasie grafichePer le bridesmaids si può optare per lo stesso colore d’abito, ma modelli e tagli diversi, oppure si può scegliere un modello unico per tutte , ma con sfumature differenti, sovente il leit motiv delle nozze è presente nei loro abiti.Come palette di colori si confermano come intramontabili il midnight blue e l’opulenza dell’oro. Tra le nuance pastello consigliabile il verde in tutte le sue sfumature, dal menta al pistacchio, oppure lilla, argento e champagne. Le nuance rosa cipria e corallo si armonizzano perfettamente con tonalità evergreen nei wedding day come l’acquamarina. Per le spose più eccentriche anche il grigio ghiaccio o metallizzato, il blu notte o addirittura il nero, che anche se insolito dona un’allure sofisticata ed elegante.Il colore e il vestito da damigella viene scelto dalla sposa, senza mai trascurare la fisicità e l’età delle ragazze e i colori e lo stile scelto per le nozze. La damigella d’onore solitamente si differenzia dalle altre dal bouquet o dal taglio d’abito.Abiti lunghi o midi con volant, tagli asimmetrici in tessuto morbido originali ed eleganti, broccati o morbidi l’importante è che non mettano mai in ombra la sposa, regina indiscussa del giorno del sì, raggiante e bellissima attorniata da uno stuolo di splendidi angeli custodi: le bridesmaidsValeria Milano
Camminare mano nella mano tra i romantici filari di uva profumata illuminata dai raggi del sole, grandi botti in elegante legno rovere, lunghi filari come scenografia e grossi calici di vino vermiglio sono gli elementi che denotano un raffinatissimo vineyard wedding, ossia il matrimonio tra i vigneti. Da un mondo elitario a passione sempre più condivisa il matrimonio tra le vigne sta diventando il nuovo trend per le coppie che desiderano realizzare un matrimonio esclusivo e insolito. Ormai un cult in California e in Nuova Zelanda si sta diffondendo anche in Europa e in Italia, supportato dai bellissimi scenari delle vigne francesi e italiane.Le discriminanti sono due: la passione per le etichette eccellenti e quella per la campagna. Il risultato sarà un matrimonio elegante e romantico. Il luogo prescelto è sovente di grande impatto emotivo e visivo. La vigna è verde e brillante in primavera, magica d’autunno e d’estate è suggestiva al tramonto. Il tema wine si presta a diverse e particolari atmosfere a seconda del luogo scelto. Di grande impatto emotivo e visivo per coloro che scelgono di imbandire una lunga tavolata proprio tra i filari dei vigneti, con i raggi del sole che caldi filtrano tra gli stessi e il profumo della natura che sommerge delicatamente tutti e coloro che invece optano per il calore e l’atmosfera di una cantina, che conserva il suo fascino antico, grazie alle volte in pietra e alle botti lignee disposte magistralmente, da dove fuoriesce lentamente l’aroma dei vini pregiati invecchiati. Le coppie più giovani optano per un happening con grossi botti che fungeranno da tavoli d’appoggio per i diversi finger food, angoli dedicati alla degustazione di bottiglie pregiate, formaggi di accompagnamento, grossi calici da degustazione e la luce suggestiva di una miriade di candele.Regola fondamentale per il beverage: iniziare da vini leggeri e passare progressivamente a quelli più strutturati, dato che si tratta del fil rouge dell’intero evento, è precauzionale non esagerare.Natura, fiori, paesaggi mozzafiato sono gli elementi caratterizzanti il matrimonio tra i vigneti. Le tonalità consigliate sono quelle che ricordano l’uva, le foglie di vite o il vino stesso. Verde, viola, bianco e marsala con le loro possibili sfumature sapientemente abbinate al rosa, all’oro e all’arancio creeranno un mix dal sicuro effetto glam. Per il bouquet elementi che ricordino il fil rouge, ossia tappi di sughero o foglie di vite da abbinare ai fiori preferiti.Eleganti e romantiche margherite, gerbere, calle o dalie, gardenie, peonie e tantissimi ranuncoli creeranno la giusta atmosfera per un perfetto wedding country chic. Di forte impatto visivo la lunghissima tavolata per il wine party tra i filari di uva profumata con l’aggiunta di elementi quali candele, cassette in legno e botti da fare da degno coronamento.Composizioni floreali che si declinano in una palette di colori tenui e neutri che vanno dal rosa pallido al grigio fino ai toni dell’avorio, champagne e beige. Grandi lampadari formati da lanterne, cornici rettangolari in legno sospese, cornici ovali sparse negli angoli buffet, ritagli di tessuto pregiato per il tovagliato, presi direttamente dal baule della nonna, per un’atmosfera vintage e originale.Tappi di sughero come segnaposto o foglie di vite su cui incidere in oro il nome dell’ospite. Ogni tavolo sarà denominato con il nome del vino preferito dagli sposi. Come cadeaux de mariage una bottiglia di vino con etichetta personalizzata per renderla unicha. Il coup de theatre sarà dato dalla wedding cake, una maestosa cake alla panna con accenni di colore marsala, o decorata con uva e foglie di vite vere o in pasta di zucchero. E per gli sposi che vogliono stupire, la cake è sostituita da una wedding cake di formaggi da abbinare a un ottimo muffato, e per dolce deliziosi mini cupcake con panna cioccolato e mirtilli o i classici muffin con gocce di cioccolato e chantilly alla cannella.Un connubio speciale quello tra wedding e wine … gli sposi tra i filari, illuminati dalla calda luce del tramonto, officiati dal nettare degli dei si uniranno in matrimonio completamente ebbri d’amore!Valeria Milano
Al civico 9 di via Vittoria Colonna a Napoli, nel cuore pulsante della città antica, glamour e raffinatezza si fondono nel prestigioso atelier spose Maison Magic. Un elegante palazzo del ‘900 al primo piano ospita un vero e proprio tempio di buon gusto e raffinata eleganza.Un ambiente accogliente e delicato in cui gli elementi d’arredo fondono brillantemente tradizione e design, e la cui dominante cromatica è costituita dal bianco puro e dai toni caldi e naturali di un mielato parquet nell’elegante disegno spina pesce, ampi ambienti bianchi con luci puntate a valorizzare le collezioni di abiti ivi ospitate che si susseguono ordinatamente su strutture lucenti, cadenti dall’alto senza interrompere il continuo scorrere di tessuti, avvolgono le spose in un’atmosfera sofisticata.Nuvole di tulle, sete lucenti, tessuti preziosi e ricercati e un’equipe di professionisti altamente qualificata con il garbo e la serietà che da cinquant’anni contraddistingue l’atelier accolgono la sposa, femminile e romantica o nostalgica e raffinata in un magico appuntamento con il sogno.Maison Magic si contraddistingue per le raffinate creazioni di alta qualità dei migliori stilisti del settore, tra cui Peter Langner, Alessandro Angelozzi Couture, Aurore by Nicole Spose, Cailand’s Spose, Franco Ciambella, Galvan, Luisa Sposa, Gemy Maalouf, Giuseppe Papini, Angela Pascal Spose…creazioni che puntano all’utilizzo di tessuti pregiati, rigorosamente made in Italy, con un ottimo rapporto qualità prezzo disdegnando improvvisati mercati paralleli di dubbio gusto e scarsa qualità ,ad un design capace di fondere con armonia classico e moderno, soddisfacendo ogni esigenza. L’uso esclusivo del made in Italy e il garbo e la serietà sono i punti di forza dell’Atelier che da cinquant’anni si contraddistingue nel settore dell’alta moda sposi con una leadership indiscussa nel contesto partenopeo.Ricami, pizzi, tocchi di pietre preziose, abiti che scivolano lungo il corpo, strette gonne che si combinano con corpetti mixando semplicità ed eleganza, gonne voluminose, abiti che alternano i tessuti più tradizionali come seta ottoman a pizzo e tulle conquisteranno anche le spose più esigenti, che risulteranno così rapite dai sofisticati esercizi di stile che solo presso Maison Magic si compiono.Tra tessuti pregiati, pizzi evanescenti, luminose applicazioni di pietre e cristalli ogni sposa con la sua personalità sarà la protagonista di un meraviglioso sogno, perché in questa maison si punta sulla bellezza personale di ognuna di essa, come afferma orgogliosamente la signora Giovanna, punto di riferimento e curatrice dell’immagine dell’atelier “Ogni sposa si vede in viso non nel fisico” , l’animo e la personalità della sposa divengono così il perno fondamentale nella scelta dell’abito.Fiore all’occhiello dell’atelier sono i trunk show, che periodicamente vengono organizzati, veri e propri eventi ricercati ed esclusivi in cui vi è l’incontro delle spose con gli stilisti, che offriranno loro consigli e suggerimenti sulla scelta dell’abito ponendo sempre al centro la personalità di ognuna , dei veri e propri appuntamenti con il glamour e l’eleganza in cui poter pianificare l’incontro con il sogno. Ve ne sono diversi organizzati nel mese di novembre, rispettivamente il 03/11 con Giuseppe Papini, il 12/11 con Luisa Sposa, e il 19/11 con Peter Langner . L’Atelier è inoltre presente alla Fiera Tutto Sposi nel Pad 3 stand 369 per dispensare consigli, suggerimenti, presentare le collezioni sposa 2017 e per dare la possibilità di prenotare l’ appuntamento con il sogno presso Maison Magic.Valeria Milano
I matrimoni invernali sono sempre più scelti dalle coppie di sposi. Ma quali sono le location più ambite e desiderate? Pensiamo alla neve e alle montagne e immaginiamo il fantastico Trentino - Alto Adige! Meta sicuramente tra le più richieste ma, sorpresa, non è l’unica!Ci sono però mete imperdibili in questa regione come:Santa Maddalena, Val di Funes – Trentino Alto Adige Qui per i matrimoni religiosi vi è la chiesa più magica della zona, che in inverno, con la neve, vi regala una emozionante vista sulle Dolomiti.Nova Levante – Trentino Alto Adige un classico luogo di montagna famoso per essere vicino al Lago di Carezza noto per la sua acqua color smeraldo. Perfetta per sposi sportivi che vogliono regalare ai lor invitati camminate uniche con paesaggi mozzafiato.Riva di Tures – Trentino Alto Adige nella Valle Aurina, è un luogo di vera pace con boschi e i parchi meravigliosi. Come quello del Parco Naturale delle Vedrette di Ries. Per i vostri scatti paesaggi da sogno.Ma non solo Trentino – Alto-Adige, tra le mete più apprezzate spicca anche la regione della Lombardia:Livigno – Lombardia Famosa anche come Piccolo Tibet, per i tratti himalayani del paesaggio, questa località di montagna vi dà la quasi certezza di trovare neve, se questo è il vostro sogno.Nesso – Lombardia Una località pittoresca sul Lago di Como un paesaggio magico quando vi sono i primi fiocchi di neve!Non lontano dal trentino Alto –Adige anche la regione del Veneto:Livinallongo del Col di Lana (Arabba) – Veneto Non distante dal Passo Pordoi, uno dei luoghi più amati delle Dolomiti la più famosa e incantevole frazione di Arabba. Qui a renderla unica i due forti: quello di Ruaz e quello di Corte. La neve è sempre di casa!Feltre – Veneto Letteralmente ai piedi delle Dolomiti bellunesi regala scorci magnifici tutto l’anno, ma il periodo invernale ha qualcosa di davvero unico.Ultima regione tra le proposte per il vostro matrimonio invernale è il Piemonte:Alba – Piemonte capitale indiscussa delle Langhe oltre che patrimonio dell’Unesco. Famosa in in tutto il mondo per il suo tartufo ed il tipico paesaggio collinare. Qui per intrattenere i vostri invitati sono perfetti i tour enogastronomici.Corneliano d’Alba – Piemonte Piccolo comune che regala tutto l’anno scenari da cartolina. L’inverno è la stagione migliore per apprezzare questo luogo incantato.Diano d’Alba – PiemonteNel cuore delle Langhe tra le colline. Al centro del paese si trova una collinetta dalla quale si può osservare la vastità dei vigneti e molti paesi delle Langhe.Insomma la scelta è vasta e questa è solo una piccola selezione. Il matrimonio invernale ha un fascino in più che regala magia e unicità al vostro giorno Martina Saliva
Dagli occhi. “Tutto iniziò dagli occhi, occhi sconosciuti che si cercarono tra gli altri e diedero luce ai vostri cuori e iniziarono a battere un battito nuovo.” (Michelangelo Griffo). Come recita nei suoi versi, trentanni fa in via Vaticale 105 a Casal di Principe tutto iniziò dagli occhi…occhi ricolmi d’amore per i fiori, il cui frutto è stata la creazione de “La Fioricoltura”.Innamorato dei fiori decise di farne il suo lavoro, la sua missione, ancora oggi dichiara di non sapere se sia stato lui a scegliere il suo lavoro o viceversa, certo è che fu vero amore. “Come amanti abbiamo litigato ma ogni volta il legame ne è uscito rafforzato”, in questo modo ama esprimere la sua attività. Animo dolce e sensibile il suo coadiuvato dall’inclinazione poetica (diversi sono infatti i versi che dedica all’amore e alla vita in genere), declina in ogni suo lavoro l’amore e la passione per la sua attività.Amore, competenza, curiosità, estro ma anche senso pratico e rigore sono alla base delle sue creazioni floreali. Si occupa dei fiori, li cura, li maneggia amorevolmente come un innamorato fa con la sua amata, in modo da trovare l’alchimia perfetta tra erbe aromatiche, profumi, petali dando il giusto rilievo e il giusto senso ad ogni composizione floreale.I fiori sono colore, stupore, personalità, creatività, perché per Michelangelo Griffo il decoro non è qualcosa di standardizzato, ma un “abito” da creare su misura per i diversi clienti. Trova sempre una soluzione originale, partendo dall’animo della gente, dall’anima del posto, dall’anima dell’evento e anche da uno sguardo panoramico in modo da “vestire” ogni evento in maniera differente ed esclusiva..Ancorato alla tradizione ma incline alle evoluzioni che orbitano attorno al mondo dei fiori attua una regia gentile che parte dalla sposa per coinvolgere la Chiesa o il municipio, la festa, la torta, i particolari importanti e infinitesimali. Tempi e situazioni sbocciano sotto gli sguardi attoniti e ricolmi di stupore degli astanti.Crea eventi di ogni tipo, curando ogni particolare, personalizzandoli e rendendoli unici, ogni scenografia non è mai uguale alla precedente. Viene coadiuvato da un esperto team di collaboratori tra cui anche il figlio Domenico che seguendo gli insegnamenti paterni è diventato un perno fondamentale della “Fioricoltura”, assicurando così la continuità del genio e della sapienza firmata Griffo. Mosso dall’amore e dalla passione sempre crescente tanto da farne il motore trainante di tutta la sua attività Michelangelo Griffo crea delle vere e proprie sculture floreali, atmosfere magiche, lasciando in ogni evento una traccia inconfondibile fatta di stile, di soluzioni insolite e di professionalità, partendo da un fiore crea e trasforma persone, spazi e ambientiL’occasione dei fiori non va mai sprecata: seducono, danno tono, stile, carattere ai luoghi e alle persone. Sono ammiratissimi e vanno scelti con cura e amore e di questo Michelangelo Griffo ne ha consapevolezza. Affidarsi a lui significa vedere tradotti i propri desideri in realtà, perché Michelangelo Griffo lavora “con gli occhi dell’amore…per la “Fioricoltura” .Scritto da Valeria Milano
Lo avete da sempre desiderato oppure è necessarioCome potete immaginare per sposarsi all’estero sono necessari tutta una serie di documenti, come in Italia, e per questo motivo dovrete prendervi il tempo necessario.  Considerate inoltre che l’iter burocratico che dovrete seguire può cambiare da Paese a Paese, nel caso in cui la vostra scelta ricada su più possibili mete.Altra cosa ancora da tenere in considerazione è la validità che i rito avrà in Italia che non è possibile ottenere in ogni parte del mondo.Per procedere perciò è necessario innanzitutto avere le idee chiare sul paese in cui volete sposarvi e poi fare tutte le ricerche necessarie rivolgendosi anche all’ambasciata italiana di riferimento che farà da tramite per tutte le informazioni sull’iter burocratico che dovrete seguire.  Non si parla solo di tempi però, ma anche i costi. Questi possono essere maggiori per un matrimonio all’estero. In alcuni casi infatti vengono richiesti dei periodi di permanenza che possono variare nella lunghezza, da un giorno fino a due settimane.Per questo motivo oltre all’ambasciata, di grande aiuto saranno le agenzie di viaggio che conoscendo le caratteristiche dei diversi luoghi di vostro interesse potranno aiutarvi oltre che gestire l’eventuale alloggio e viaggio e altri dettagli del grande giorno insieme a voi.  Il matrimonio all’estero potrà essere celebrato dinanzi:ad un’autorità straniera locale; all’autorità diplomatica o consolare;ad un ministro di un culto religioso.Parliamo infatti di matrimonio all’estero sia con rito civile che religioso. In base a quello che avete scelto. Se religioso questo avrà valore in Italia solo se vi saranno anche effetti civili.  Non valgono tutte le regole che vi sono in Italia perciò è bene sapere che:se entrambi gli sposi sono residenti in Italia le pubblicazioni vanno richieste all’ufficiale di stato civile del Comune di residenza; se, entrambi italiani, ed uno ha la residenza all’estero e l’altro in Italia, le pubblicazioni possono essere richieste indistintamente all’ufficiale di stato civile del Comune di residenza in Italia o all’autorità consolare italiana all’estero nella cui circoscrizione risiede il futuro sposo; se, entrambi italiani, una ha la residenza in Italia e l’altro all’estero, le pubblicazioni vanno richieste al Comune italiano di residenza; se entrambi i futuri sposi sono residenti all’estero la richiesta di pubblicazioni è esclusivamente dell’autorità consolare;Una volta celebrato il matrimonio l’autorità consolare deve inviare l’atto di matrimonio all’ufficiale dello stato civile del Comune italiano competente per la trascrizione nei registri di stato civile. Martina Saliva